diego-menna,la-porta-dei-sogni,diego-menna-digital-art-digital-art-la-porta-dei-sogni-door-pontile-porta-sabaudia-surreale-surrealismo-flickrs-finest-images-1.jpg

La notte, sarà il mantello che mi copre
dal gelo di un Addio,
nessun rancore, piangerò solo lacrime di gioia.
Io discepola del tormento
abbraccerò la nostalgia,
e con il sorriso di una bimba,
ti guarderò da lontano andare via…
Non ho perso, ma ho vinto,
Ciò che la vita mi ha lasciato non ha prezzo.
Ho conosciuto quello che non si può comprare
quello che tutti cercano da una vita intera.
Ho conosciuto l’emozione che toglie il respiro.
L’attesa che ti fa uscire il cuore fuori dal petto.
Ho sentito l’anima cercarti nel fuoco sacro di un’estasi,
dove bastavano i silenzi a far l’amore.
Ho consumato i miei occhi guardando il cielo
per scrivere i miei versi, e dedicarti un pensiero.
E se Amare è un’arte,
Io sono stata l’artista più felice
perché ho conosciuto il bene dell’anima.
Perché Tu esisti, ancora,
nel profumo dei ricordi che mi hai lasciato,
esisti in ogni battito che pulsa dentro di me.
Esisti ovunque fino a me…
Sempre sulla porta dei sogni.

Teresa Averta

Annunci