U MIRACULU È COMPIUTU!

Befana.jpg

A Befana è ‘na vecchjareja,
cu ‘nu nasu di tabacchera,
pulita e arzilla, cu a scupa vola
vaci fujiendu pe jiocu a ‘fora.
‘Nu sciallinu avi subba a vesta
‘nu maccaturi porta ‘nta testa,
ratta, ratta ‘nci ammuccia a facci
fuji ‘nta neve comu ‘na freccia.
Non guarda friddu né tramuntana
è chistu o bellu da vera befana!
Tra nuvuli e fumu… ija galoppa
e di cuntentizza comu trabocca!
Vinni l’ura tantu aspittata
da festa cchiù allegra e disijiata:
tanti rigali ai boni figghjoli
e carbuni e vrasci a cu paci non ‘mboli.
Quandu si cala pe chiji camini…
non certu s’allorda li suttanini,
queta, queta, nommu si senti…
fimmana sberta e ‘ntelligenti.
Quanti doni misteriusi
posa timida e penzusa…
cavallucci e pupazzetti,
palli, bambuli e cumpetti,
e li menti tra gli alari
di li spenti foculari.
Mamma mia chi fatica…
pemmu porta ‘na cazetta
mu prepara na vitrata,
pemmu vidinu a sfilata:
di re Magi, ‘nta lu cielu,
‘nta sta notte friddu i gelu.
Chi befana affaccendata
di lu celu ammagistrata,
non sulu balocchi pe ‘sta notti ‘ncantata
ma Gioia e Vita…’nta sta notti stellata!
Puru l’angeli su festanti
pe sti scheggi di brillanti….
e jio poeta non mi vantu
si vi scrissi chistu cantu.
All’alba du sei gennaio vi salutu…
ormai u miraculu è compiutu!

© Teresa Averta

Annunci