DIALOGO IN VERNACOLO
(tra nonna e nipote)

16143351_10208042470764974_3394264983337999401_n

-A nonna, veni ca ‘ndi facimu na passijata?
-si, figghjia, l’anchi ne pozzu, però pe ‘ttia, vegnu puru a lu ‘mpernu
-grazi nonna mia…
-certu figghjia, ca i figghji su pezzi i cori ma i niputi su megghiu ancora, siti la luci di la vista e lu vastuni di la vecchjiaia.
-a nonna, volia mu ti cercu ‘nu cunsigghiu…
-ca comu no, niputi mia, cunta a nanna tua…
-e niente nonna…volia mu ti dicu…No! Forse è meglio che te lo spieghi in italiano!
-comu voi coriceiu miu, o in italiano, o in americanu, o in inglisi…basta o parri… ca io t’ascoltu.
-e niente nonna, ora io concludo il ciclo di studi della scuola dell’obbligo, della 3° media e, devo scegliere la scuola superiore…però prima di fare una giusta scelta, devo capire che cosa voglio fare da grande.
-e si a figghja, certu!
-eh, si nonna mia,ma su indecisaa…
-e tu chi bolarrissi mu fai, a nonna tua…
-Nonna io vorrei, fare la maestra, no ma forse è meglio l’avvocato, o forse tutto sommato è meglio il dottore…mah! Ho una confusione…in testa.
-ohi figghjia mia…ancora si troppu cumpusa…e poi niputeia mia, ti iettasti subba o grossu…maestra, avvocatu, dutturi, eh ‘nzomma a mu studijii regulari…
-e sì nonna mia bella…e dovrò andare all’università…
-puru?
-mah! sti giuvani d’oji…e poi?
-e poi nonna…si dovrà fare praticantato, tirocinio, e altre cose..
-pretica chi? puru u previti a mu canta…no sapia…
-no nonna no! Non capisci…perchè tu sei di altri tempi…
-a mia, chijiu chi mi preoccupa su l’atri cosi…pecchì tu dicisti “altre cose” e ca ‘nc’è tuttu nu programma…eh eh!
è beru ca su becchjia ma capisciu e capisciu puru bona! Iati girandu di ‘ccà e di jià…e puru luntanu da casa…i genitori vostri fannu tanti sacrìfici…e vi ricogghjiti cu ‘na mani avanti e n’atra arredi…ah! Chista è a società!!!…chi v’arrobba non sulu i sordi ma puru i sogni….onorata società…chi cagghi!!!
-nonna mia tu hai ragione, ma io devo prendermi un Diploma…un pezzo di carta…per poter diventare Qualcuno…
-e ‘ccà ti sbagliasti figghjia e puru i grossu!!!
-sì nonna e perchè?
-ohi figghjcieia mia…oji si tutti diplomati, tutti universalizzati comu catinazzu ‘nci dici…universitari, ca io non sacciu u parru l’italianu…ca su analfabeta; oji su tutti professuri, abbucati, dutturi, bancheri, cantanti e cunsigghjieri…
MA SA CHI TI DICU:
– CA HANNU TUTTU U DIPLOMA MA ‘NCE L’ ANALFABETISMU DELL’ANIMA…chi TREMA DIO jià subba A LU CIELU!!!
– è vero nonna! La società di oggi a noi giovani non offre niente…
-e allora cosa mi consigli?
-cara nipote ti consiglio U VA TI ‘MPARI U LAVI I PIATTI E MU FA U VUCATU…e u tempu chi ti resta…
-e u tempu chi mi resta a nonna?
-veni cu ‘mmia a chjiesa e t’impari u dici u Rosariu…e non ‘nci sa mai, ca trovi nu beiu figghiolu…i chiji parti…
-a nonna io mi vergognu si ‘nc’è ‘ncunu bellu figghjolu…
-non ti preoccupari…ca pemmu u canusci è penzeru miu…ca tantu… pemmu ti mariti non hai bisognu du DIPLOMA!!!
-JIAMU FIGGHJIA JAMU….
-e ricordati nipote mia: NESSUN DIPLOMA TI DARA’ LA CULTURA DELL’ANIMA…
-a nonna, che belle parole che mi dici! E il DIPLOMA DELL’ANIMA dove si prende? A Quale scuola ?
-e figghjia… jio, non jivi a scola, ma u DIPLOMA DELL’ANIMA l’ajiu…e mu pigghjiavi a pieni voti…
-che meraviglia nonna…dove l’hai preso?
-mu pigghjiavi alla SCUOLA DELLA VITA!!!
–JIAMU FIGGHJIA JAMU….ca mò tocca a tia!

Teresa Averta

Annunci