IL RACCONTO DI UN PROFUGO

105258641-65faec0f-a19c-4ab8-be11-a33822d152f7.jpg

Non posso dimenticare il pianto di bambini migranti… lì sul limbo serbo dopo aver attraversato la rotta balcanica.

Ho visto adulti e bambini ammalarsi, e morire di fame e di freddo.

Ho fatto migliaia di chilometri a piedi, per arrivare sino a qui, con quei pochi soldi risparmiati in tutta una vita: denaro raccolto facendo le collette davanti alle chiese; ho venduto la casa che mi aveva lasciato mia madre e gli animali.

Ora non ho più paura, il freddo è il meno che mi possa capitare.

Voglio andare avanti, come gran parte dei profughi afghani e pakistani accampati dentro le stazioni, ho attraversato mari e montagne in Iran e Turchia, mi sono fermato nei centri di accoglienza greci, bulgari, macedoni, prima di raggiungere Belgrado.

Vorrei che qualcuno mi aiutasse, aiutasse la nostra gente.

In verità io penso che la gente non sia così stupida, ha solo bisogno di verità la gente come me…

Mi sento completamente disarmato di fronte a tanta sofferenza.

Siamo poveri e spogli di tutto e tanto sporchi di fango, ma quello che mi fa più male è il fango della loro indifferenza. L’indifferenza di chi sta meglio di noi, e non capisce e non può capire perché ha avuto una vita più facile della nostra.

Oh Dio, quanto vorrei trovare un pezzo di terra, un pezzo di campo profughi dignitoso, di attesa, dove le persone possono almeno nutrirsi e dormire. Un angolo anche buio e sporco ma pur sempre un posto per questi bambini costretti al nomadismo e alle privazioni, un momento di scuola dove trovarsi.

Cammino dentro la Storia. Una parte di Storia che non avrei mai voluto vivere.

Dio, come sono straordinari quei bambini sfortunati, e nei loro occhi s’intravedono ancora le fiamme dell’inferno. Hanno ancora i segni di quelle fiamme, li portano anche sul viso, sulle braccia, sui piedini scalzi.

Le mie parole si perdono oltre la sconfinata vallata.

Perché è facile parlare di guerra senza averla mai vista, senza saperne nulla, senza conoscerne gli effetti devastanti sulla vita – ma quando ti ci trovi davanti, capisci che le parole giuste, in realtà, non esistono.

Esistono, al più, silenzi giusti, e forse, in taluni casi, neanche quelli.
Decine di centinaia di famiglie siriane sono fuggite dal clamore della guerra, nascoste in silenzio in casolari, stalle, garage abbandonati di questa splendida, meravigliosa città di frontiera.

Rifugi abbandonati da chi, prima di loro, è fuggito dal fragore dei missili, dalla certezza della morte.

 Da questo confine sono verosimilmente passati più di quattro milioni di profughi.

Un’intera generazione di bambini siriani sta crescendo senza avere mai conosciuto la pace.

Non c’è stata pace per noi. La mia infanzia era scandita da bombe e morti, mio padre restava nascosto in casa per non essere preso e mandato a combattere contro gli iraniani in una guerra non nostra.

La mia, era una bella famiglia, ricca delle cose essenziali, amore e cultura; amavo la musica e i miei mi fecero studiare pianoforte.

Non potendo mai uscire da casa per la guerra, suonavo tutto il giorno la pianola… poi un giorno, decisi di scappare.

Ben presto, però l’invasione irachena spezza ogni sogno e ci costringe a un esodo biblico: tra le colonne interminabili che s’inerpicano sulle montagne desertiche, c’è anche il mio piccolo fratello Omar.

L’arrivo in campo profughi, il freddo, la calca tra bambini per afferrare cibo e acqua dai camion di aiuti rende la nostra casa, un sogno lontano, pensavo alla mia pianola, che non l’avrei più rivista… eravamo nudi e senza niente.

Ho sofferto come un cane, per non poter donare il mio aiuto agli altri, cosa potevo dare ai miei sfortunati fratelli se io stesso non avevo nulla… neanche il fiato per respirare, e neanche più gli occhi per piangere.

È stato allora che, decisi di diventare medico.

Volevo offrire qualcosa al mio popolo innocente e disgraziato. Noi curdi chiedevamo solo pace, ma nei secoli siamo sempre stati aggrediti e martoriati.

Anche oggi, siamo in guerra contro Isis. Sono stati anni duri, a causa dell’embargo e della nuova guerra tra Usa e Iraq; mancava la corrente e studiavo con la boccetta di petrolio accesa sui libri, ma non demordevo, e i miei genitori fecero di tutto perché io e mio fratello minore avessimo un’istruzione.

Avrei voluto conquistare almeno la dignità di essere riconosciuto come un essere umano e il diritto di sognare un futuro per me e per gli altri. Che poi è l’unica ragione che muove il mondo, e lo rinnova.

Il mondo è abbastanza grande da accogliere tutti quanti noi, apriamo le porte, costruiamo i ponti, edifichiamo  la pace. Perché malattie e morte ce ne sono state abbastanza… e non serve solo odiare e condannare.

Bisogna trovare la forza per unirsi contro la barbarie e la violenza, non solo per garantire e difendere la democrazia, minacciata da forze oscurantiste d’inusitata mostruosità.

È da condannare ogni silenzio nei confronti di queste tragedie e bisogna invece sostenere chi da sempre è impegnato in prima linea per il dialogo tra le religioni e le culture e per la sviluppo dei principi di pluralismo e rispetto della libertà.

È stata una giornata molto intensa.

Affiora la stanchezza e sono tanti i sentimenti che ho accumulato in tutte le visite che ho fatto. Davanti ai miei occhi scorrono gli occhi di tutte le bambine e i bambini che ho incontrato, abbracciato e ascoltato.

Gli occhi appassionati degli operatori sanitari che ho ammirato.

Qualcuno di noi cede e da spazio alle lacrime: è giusto così, non si riesce a tenere tutto dentro, non è umano. Come non è umana questa guerra, anche se, è voluta da uomini…

Oggi Sento forte l’orgoglio di lavorare per chi ha bisogno.

Oggi sono un medico del mondo, sono il soccorritore dei poveri e dei miseri.

Il lavoro che faccio sul campo è indispensabile ed efficace allo stesso tempo.

Sì, perché… mentre tu hai una cosa, può esserti tolta. Ma quando tu dai, ecco, l’hai data. Nessun ladro te la può rubare.

E allora è tua per sempre.” Il silenzio e l’indifferenza, certe volte, fanno più danno delle bombe.

Teresa Averta

Annunci