DIALOGO CON IL PADRE

maxresdefault

-Signore, sei tutto lacero, ma i tuoi occhi sono sempre splendenti, vedo che hai con te la solita ciotola piena di acqua.

Si è per Te … Teresa! So che sei assetata d’amore e ti porto l’acqua che ti disseterà per sempre.

-Mio Signore, vedo che nella mano destra hai anche il pane della salvezza…

Sì Teresa, chi lo mangia non ha più fame, mi segue, s’innamora di me e non ha più bisogno di mangiare il pane degli uomini…

-Signore ma come è possibile? Noi abbiamo bisogno di mangiare pane… cibo per nutrirci…

Sì, ma il mio è Pane di Vita, cibo di vita eterna…Non tirarti mai indietro, mangia sempre questo Pane, Teresa figlia mia… mangia il pane spezzato per l’umanità

-dove lo trovo mio Signore, forse nell’Eucarestia?

– Non solo, Teresa, non solo…

-Dove allora?

– Il mio pane, lo troverai ovunque ci sia un dolore, una croce, tristezza,pianto o disperazione, e lo troverai se camminerai non con i tacchi, ma con i sandali ai piedi… anche se so che tu li usi i tacchi ma non ti viene difficile abbassarti.

-Però Signore… non tutti desiderano essere amati, molti hanno paura…

-non importa figlia mia… tu amali lo stesso… e ti nutrirai di quel pane spezzato di cui ti parlavo.

-ma Signore sei tutto a pezzi… come mai?

– Il mondo mi ha fatto a pezzi con la sua ingiustizia e incredulità…ma in ogni pezzo, cara Teresa, sono Tutto Intero!

-Lo so Signore, lo so… ed è per questo che voglio ardentemente Amare tutti. Però, si soffre molto ad amare tutti…

-Si è vero, però serve e Serve pure tanto…

-E a che serve Dio mio, se loro non ti ricambiano?

– Non importa serve a Te…e tu lo sai perché!

-Si è vero Mio dolce Signore, però io sto portando questo Amore che è più grande di me, lo dono ma, non tutti lo apprezzano, e diventa una Croce forte…da sopportare…

-Lo so che è pesante la tua croce Teresa, ma ti sarai accorta che ti sto aiutando a portarla…

-sì… mi sono accorta, ed è per questo che sono gioiosa con il mondo; è una Croce importante di Sofferenza e Gioia…ma non m’importa…È una croce meravigliosa, perché ci sei sempre Tu, accanto a me.

-Sempre Teresa, sempre.

-Sì, sento che posso farcela Signore, mi va e mi sento di camminare in mezzo ai poveri, ai diseredati, agli esclusi e agli abbandonati. Mi piace stare con i bambini che hanno bisogno di un mio sorriso, e anche con i grandi che si sentono soli e hanno sete d’amore e vicinanza.

– Brava, lì ci sono io…dove tu darai Amore e solo Amore…io CI SARÒ! Ricordatelo…

-Sappi anche, che non ti ho dato solo una Croce, Teresa. Visto che sei sulla terra, ti ho dato anche un aratro…

– Un aratro Signore? Che me ne faccio di un aratro, quello serve ai contadini…

– Ahahahah, per questo mi piaci Teresa, perché sei una delle figlie più ingenue che ho… siete tutti “contadini” su questa terra… solo custodi del creato che guardate e ammirate ogni giorno.

-Amo tanto questo creato mio Signore,e ti sono grata della voce che mi dai per poetarlo e magnificarlo agli uomini.

-Sì… come ti dicevo:- Ti ho dato un aratro con cui arare la mia terra. Devi andare avanti, avanti, così la mia terra sarà ben coltivata e darà frutti in abbondanza.

-Certo Signore, sono felice che Tu mi abbia scelta; spero di poter diventare un angelo quaggiù… su questa terra, e poi, se fosse possibile anche nell’altra.

-nulla è impossibile a Dio! Continua come stai facendo… continua così…e non stancarti!

– Le tue parole Signore sono balsamo per le mie pene, sono sostegno e mia forza per il mio cammino. Non vacillerò… davanti al fragile mondo…ma camminerò con i piedi per terra e lo sguardo sempre rivolto al cielo.

-Non voltarti indietro, davanti a te si presenterà una grande luce e tu vedrai le mie meraviglie. Tu sei l’aratro della vita, le tue braccia spingeranno ancora per tanto tempo quest’aratro e la terra avrà tanti solchi, vi saranno gettati molti semi e nasceranno molti frutti.

Se mai avrai paura o ti sentirai stanca, riposati presso quell’albero ombroso che è il Tuo grande cuore… io sarò lì ad Aspettarti…c’è posto per tutti e due.

Teresa Averta

 

EASTER DAY

LAVORETTI DI PASQUA CON I MIEI ALUNNI

 

È FESTA DU RE

Domani è festa randi,
è festa di Parmi!
Sarria bellu, u ‘nci sarria a paci…
e nu mundu senz’armi.
Domani è festa du Re,
Di ‘nu Re poveru, e importanti.
E a genti non sapi mancu Chu jiè
U cumpundunu chi i santi.
Jiamu a missa ‘na vota l’annu
U ‘ndi facimu vidiri eleganti
Simu chjini di ipocrisia
E i peccati sugnu tanti.
‘Nte campi e ‘nte prati
Hiuriru rosi e violi,
e o cori di cristiani
non si sapi cchiù chi boli.
Domani, di Parmi è festa,
È tempu di taralli e curuji
lu suli scarfa pocu e non resta
pecchì trema ‘nta sti tempi buji.
Si vi domandanu sti giuvanotti
Chi sugnu chiji rami d’alivi beneditti
Dicitinci ca sugnu lacrimi
Di chiji animi muti ed affritti.
I Parmi di chiji cori nocenti
chi comu nenti a lu celu volaru
Chi jiru a chiju mundu vincenti
E cuntenti cchiù non tornaru.
Domani sarria giustu u facimu silenziu
Ca passa Unu ‘mportanti, passa nu Re!
Mu trovamu nu veru Senzu
Chi ‘nta sta vita purtroppo non ‘nc’è!
Guardamulu muti… vinni cu Ciucciareiju
Ascoltamu chi dici stu Giuvani Bejiu…
Mustratincillu e giuvani generazioni
Chistu è u Signuri, Chistu è Dio
Chi porta la Salvezza, la Liberazioni.

Teresa Averta

SUONO DELL’ ANIMA

ego anima2.jpg

Che senso di pace!
È il regalo che l’anima mi fa
quando ascolto la sua voce, le sue parole…
è lì che trovo senza sapere la casa dell’Immenso,
è lì che Eterno libera in me un’energia
Che mi porta a realizzare ciò che sono.
Mi sento un fiore che partorisce il suo profumo…
Sento che posso spiccare il mio volo


Teresa Averta

C’È SEMPRE DA IMPARARE (la realtà è un’ altra cosa…)

amiche vecchiette

-Cummari, bonasira!
-Bonasira, bonasira bella!
-Chi fù? Comu jiamu?
-E comu jiamu, a Cummari, sempi appedi, jiamu.
-E ‘mbonu, ‘mbonu, veniti ‘ccà, jiamu!
– A Cummari, chi succedìu?
-Ma poi vu ‘mparastivu u compiuteru?
-Chistu, chi mi rigalau figghjiuma?
-Sì… sì allura quali?L’atra vota ‘ndi dicistivu ca vu rigalau po compleannu…
-Sì, sì è beru! Mu ‘mparavi cummari mia, mu ‘mparavi!
-Gu, gu, chi bellizza!Chi cuntentizza!
-Ma quali bellizza, quali cuntentizza!Chimmu nommu mu ‘mparava mai, cummariii!
-Pecchì, ca aviti mò? Chi vi vinni?
-Ca mi vinni ‘na ruvinaaa!
-O focu mioo, pecchì? Chi vi succediu cummari?
-Fu na ‘sbentura stu compiuteru, sdillogghjiu amaru!
-Ca paru ‘na drogata, sempi ccà sugnu…
-E pecchì a cummari pecchì, non aviti i chi fari dintra a casa?
-Eh, non avarria i chi fari: mu lavu, mu stricu, mu stiru, e mu ligistru…
-E allura?
-E nenti…ca ‘nc’è stu catinazzu i Fesibuccu!
-E chi ghjiè a cummari, chi ghjiè?
-E comu vi pozzu spegari?
-È comu ‘nu burdellu?
-Fooocuuu miu a cummari, chi diciti, sti paroli?
-No, no scusatimi, non bolia diri burdellu, ‘nto senzu nostru!
-Ah no, e chi allura?
-Volia diri ‘nc’è nu casinu…
-Fooocuuu miooo, ancora? E ‘nzomma, però… non ‘nci capisciii chi ghjièèè?
-Scusatimi ancora, è ccà non sacciu, comu catinazzu, aiu mu vu spegu…
-E ‘mbonu jiamu… spegatilu chjianu, chjianu….all’usu vostru
-E nenti vi dicia: è na speci i mundu birtuali, comu dicinu i figghji mei…
-E jià ‘nci su ‘nu saccu i perzuni, i tutti i rismi
-Ffocu mio, daveru?
-Allura, tutti: previti, abbucati, maestri, poeti, scrittori, operai, pitturi, mammi, e sportunatamenti puru figghjioli…
-Mara mia, mara… a cu ‘nci vinni sta ‘nfelici penzata, u faci stu cosu curiusu?
– Si o cummari, ca mò su tutti ‘cca subba a chatta…
– A chì?
-E chi significa? Mi paria ca su subba a gatta!
-No no, vordiri, ca parranu, parranu a mucciuni…
-O focu…e l’atri u sannu…
– L’atri cui…chiji chi su ghjià subba…cu di iji, non dicistivu ca su ‘nzemi…
-No, no…non è ca su ‘nzemi…tutti…
-E cui allura?
-Chiji chi su amici…
-Nnon capiscivi nenti!
-E vu dicu ch’è nu burdellu
È troppu compricatu mu vu spegu…
-No no, non è pemmia…
-Nenti mò, aspettati mu vi dicu…
-Eh?
-È puru ‘nu pocu bellu…
-Ca iju postu?
-Aviti u postu? E allura siti a postu…vi paganu!
-No, no, o santa cummari, chi catinazzu diciti! U post, esti nu penzeru, ‘na cosa chi bui penzati e scriviti…
-O focu…e chi siti ‘na scrittrici?
O cummari bella, non capiscistivu ca jiocu, ponnu scriviri tutti e tuttu!!!
-O mara mia… e quindi quando unu è arraggiatu i po mandari a chiju paisi?
-Se nu vastasu, sì, se nu Signori no!
-Hai capitu? Ho capito!
– Stati cuminciandu u capisciti!
-Ma basta, non bogghjiu u sacciu cchjiù nenti ca aiu vajiu u cucinu
-E ‘mbonu ca mo jiatiii
-E disbrigativiii!
-A cosa cchiù curiusa è, ca ‘ncè genti, omani chi corteggianu!!! Ah,ah ah!
-ah!
-E vu vi scialati, vu siti ‘na bella fimmana, e siti puru accurturata
-Ma chi diciti, ijo, non trasu quasi mai subba a fesubuccu
-E fina a mò chi dicistivu?
-No, ca…ca…
-Ca aieri i gridati jienu e celi… ca o maritu vostru ‘nci ricogghjìu du lavuru…e vui si non mi sbagghjiu eruvu ‘nto bagnu chi chattavuvu… e furnella eranu in bacanza…o mi sbagghiju?
-A cummari e vui comu u sapiti?
-No, ca, ca a barcuni vostru era apertu… e si ‘ntisi tuttu
-Ah!
-E pemmu finisciu u discurzu, ca sinnò allongamu brodu… vi dicu l’urtima!
-Eh dicitimi, dicitimi, su tutta ricchji!
-E nenti, mi pari bruttu, mu vu dicu…
-E no!Mo parrati, ca sinnò mi dassati ‘nte spini…
-‘Nc’è nu bell’omu chi mi corteggia…
-Ah?
-Eh!
-E comu si chjiama?
-E mò voliti u sapiti troppu!!!
-E pari ca ijo, chi pozzu sapiri du mundu birtuali?…eh?
-Chistu è beru!
-È nu bell’omu, armenu, ‘nte fotu pari bejiu…avi nu saccu d’amici, pari unu ca a motu a sapi…faci sempri u sprendidu… e nenti mi manda faccini, penzerini, poesii, e catinazzi vari…ed è chistu ‘ccà, mo vu mustru ‘nta fotu, vogghjiu u mu cumpessu cu vui, simu amiche o no?
-E certu cummari mia, certu! Vidimu, vidimu, ca sugnu propriu curiusa!
Oh! Ah! Eh! Azzo raight!
-A cummari diventastivu tutta russa, siti ‘na vampa, chi vi succediu cummari?
-Nenti, nenti, continuati peffavuri!
– E comu vi dicia tutti sti cosi chi mi ‘mbia…
-È pemmu vi faci capisciri ca vi voli, ca ‘nci piaciti…e nu laik vu menti?
-E chi laik!!!
– Comu dicistivu a cummari? E ca vui chi sapiti du laik? O mara miaaa…
-A cummari, a cummari…
-Oh bella mia, bella, siti na ‘ncantata di muschi, ancora criditi e favuli…
-Ma no viditi ca chistu chjacchjarijia cu tutti…u messaggiu d’amuri chi bi manda a bui, ‘nciù manda a tutte le donne del suo profilu…ahahahah… cu nu corpu dieci, cento marvizze!!!
-Comu? Chi diciti? Ca cuminciava u ‘nci vogghjiu beni…
-Se ,se…domani a Pasqua!Beni, ma quali beni…u beni l’amuri, l’affettu si dimostra ‘nta realtà, non subba a fesibuccu
– ma vui, non dicistivu ca non sapiti nenti i stu catinazzu i fesibuccu…e mò, sbertiscistivu a na vota…
-Mia cara e duci cummari…mo ve la dico tutta: IO SONO GIUDITTA 67…e ho l’amicizia di LUI da tempo ormai…capiscistivu….
-Focu…chi schifuuu…va fidati, va…non ti poi fidari i nuiju, mancu di panni cavimu ‘ncojiu…
-A cummari, MANCULICANI… jiamu jiati e cucinatiii…ca IL BELL’ANTONIO VIRTUALE avi figghji e mugghjieri…ahahahah
-Non mi sbagghjiavi quando dissi che è nu burdellu…chi amarezza…
-No! No, non vi sbagghjiastivu…jiati…e ‘mparati, bona jiornata!!!

Teresa Averta

17796574_10208583125401002_1231930367510435756_n

Il mio cielo è anche dove sei Tu
Basta che alzi gli occhi
E mi vedi…
Sono quella stella che illumina
Le tue notti insonni…
Sono quella piccola, grande luce
Che rischiara la strada che hai perso…
Sono dentro di Te…
Per questo non ti accorgi di me
Sentiti e mi sentirai…
Respirami…
E mi troverai. ..

Teresa Averta

CHE MIRACOLO!

17796415_10208570447724068_7786745650376358949_n
Che miracolo sarebbe se smettessi di guardare in basso,
se alzassi la fronte verso il Sole
e gettassi un ponte verso l’Oltre…
E ci vorrebbe, pure un Cuore con le ali!

Teresa Averta

UN PUGNO DI VITA

17760160_10208574829193602_2847174053269322117_n.jpg

Molti la pensano e lei gioisce…
Qualcuno La chiama…
e Lei presta tutta la sua attenzione.
Le è confidata una pena e le sfugge una lacrima,
si pone in preghiera e un brivido Le corre dentro.
Le sorride un bambino e si scioglie …
La insultano ed è capace di sorridere,
Qualcuno le chiede aiuto e Lei dona tutta se stessa.
Un uomo la tradisce e Lei lo perdona,
Un amico parla a vanvera e Lei lo comprende,
Un amante la delude e Lei lo allontana dolcemente.
Il mondo la desidera ma non la cerca…
Perché non riesce a dirle che l’Ama.
E Lei lo sa, e quindi si Dona.
-E chi è Lei?-
È… – come posso spiegarti?-
– È …un Pugno di vita -.

Teresa Averta

BREVI NOTE DI VITA

17757466_10208574661069399_474227231731482972_n.jpg
Sono grata a Dio per l’opportunità e il privilegio che mi concede di parlare e di scrivere dell’Amore che ha avuto per me, di quello che mi ha donato e mi dona, pur essendo consapevole di non meritare nulla.
Infatti, pur sforzandomi di camminare secondo i suoi insegnamenti, non mi considero degna di tante benedizioni; nonostante ciò, ricevo da Dio amore e sostegno… e tanto affetto dai miei fratelli.
Chi l’ha detto che per affermare con coraggio e lealtà quello che sentiamo essere la Verità, dobbiamo usare parole dure e toni sgradevoli… parlando o scrivendo…
È importante parlare o scrivere con schiettezza, ma con profondo rispetto della Verità e di chi ci sta di fronte o accanto.
Un modo di essere che amo: consiste nel parlare chiaro, essere genuini, naturali, sinceri, autentici.
Parlare Bene è Parlare con schiettezza, essere chiari, tagliare dritto con le parole, dire pane al pane e vino al vino evitando di ferire, fare del male, offendere, umiliare.
Scrivere e non scribacchiare è: spogliarsi del corpo e non vergognarsi di far Vedere l’anima!!!
Teresa Averta

QUANDO LA CALABRIA VA OLTRE I CONFINI

17757113_10208571950881646_6731122197450256668_n.jpg

DAVIDE MANCA, trentaquattro anni -2 agosto 1982- nasce in Calabria, di origini Vibonesi e vive attualmente a Roma.
“Direttore della fotografia”, anzi lui preferisce essere piuttosto definito“Autore della fotografia cinematografica”, “Autore” vale a dire, infatti, libero ingegno creatore, della “foto-grafia” cioè dello “scrivere con la luce”, si è Diplomato al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.
Ha diretto il Film Nastro d’Argento “Et in terra pax” di M. Botrugno e D. Coluccini, e il Film “Wacth them fall” di K. Tassin ed è stato direttore di fotografia di tanti altri progetti.
E ora, infine, è anche il bravissimo Direttore artistico della rivista di cinema Fabrique du Cinéma.
La passione per la luce, nasce sin da bambino; è sempre stato incuriosito dalle molteplici potenzialità della luce, dal suo potere di far vedere i colori e dalla sua magia che fa emozionare al tramonto o all’alba. Il suo talento si traccia, così, ben presto, sulla strada di luci e riflettori, per i proiettori specialmente, e poi per il cinema inteso come Raccontare per Immagini.
Allievo alla scuola di Oliviero Toscani prima, e di Giuseppe Rotunno poi, riesce ad affinare una tecnica e una cultura cinematografica molto ampia. Che gli ha permesso di emergere presto ed esordire alla fotografia per lungometraggio a soli ventisei anni.
Unisce la lezione della cinematografia classica con l’esuberanza della fotografia pubblicitaria. Esordisce come direttore della fotografia nel mondo dei videoclip musicali e cura alcuni format di MTV Italia fino a firmare la fotografia del suo primo lungometraggio Et in Terra Pax, il suo esordio nel campo della cinematografia.
Che viene presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, e vince il nastro d’argento. Continua la sua avventura cinematografica con il film francese girato in Bulgaria nel 2014 con protagonista Gerarde Depardieu, ancora i tre documentari di Walter Veltroni e la serie tv di Sky “I delitti del Barlume”.
Con curiosità e impegno inesauribili, si dedica da anni all’esplorazione del mondo del cinema e delle serie TV: spazio all’informazione, alle recensioni, all’approfondimento e all’analisi, ma anche e soprattutto al divertimento e alla passione.
Oggi, Davide Manca, un giovane talento calabrese, città di origine Vibo Valentia, è diventato uno dei d.o.p. (director of photography) emergenti più importanti del panorama italiano.
Un giovane che usa l’intelligenza per capire il senso della storia che lo circonda, lotta per il suo lavoro e non si arrende, superando con l’ingegno della narrazione, le difficoltà negli impegni faticosi ma anche fruttuosi della produzione.
Il suo genere preferito è il cinema sociale, quel genere che gli permette di fare un mestiere che può salvare delle vite, senza essere eccessivamente celebrativo, ed è convinto che il cinema sia una grande arma di pensiero che può influire fortemente sulla coscienza e la formazione degli individui.
Il suo film preferito coincide con il suo regista preferito: è “Il Caso Mattei” di Francesco Rosi, uno dei più grandi registi al mondo, che ha fatto da scuola a molti talenti internazionali.
Ha girato a New York con Kristoph Tassin e Marco Bocci per il film “Wacth them fall”, un film fantastico, con riprese in tre continenti. Lui stesso lo definisce ”un viaggio psichedelico nell’esistenza di un fotoreporter di guerra tra la vita e la morte.” In Italia, poi, con David Petrucci ha girato il film “Hope Lost”. Due film in inglese.
Questo film appunto in lingua inglese gli ha permesso di essere notato da una produzione internazionale che l’ha arruolato per fotografare ben due film con attori Hollywoodiani (Rutger Hauer, Danny Glover, Misha Barton, Danny Trejo, Michel Madsen) per il mercato internazionale e quindi in lingua inglese ma diretti da registi italiani: Alessandro Capone e David Petrucci.
Oggi Davide, artista nel campo cinematografico, ed emblema vivente dei giovani talentuosi calabresi, è anche il Direttore artistico della rivista di cinema “Fabrique du Cinéma” -come dicevo all’inizio dell’articolo- quella che lui chiama la sua creatura, e che ha bisogno di attenzioni ogni giorno.
Fabrique du Cinéma è la piu’ grande community dei giovani cineasti italiani, è nata come un appuntamento tra tecnici e autori, un meeting point, dove discutere di nuovi progetti, conoscersi e formare nuove squadre con la malsana idea di “rivoluzionare” il cinema italiano.
Una realtà che apre all’innovazione e soprattutto punta alla formazione, intesa come valorizzazione delle nuove generazioni di sceneggiatori, registi, tecnici ecc., che stentano a farsi strada in un sistema in cui la burocrazia rallenta di molto il cammino di giovani volenterosi e dotati.
E credo proprio che ci riusciranno… questi meravigliosi giovani bravi, caparbi e coraggiosi.
In Calabria siamo teste dure, e se dovessi usare un aforisma, direi: “A testa tosta rumpi a porta di sogni”.
“La testa dura rompe la porta dei sogni”, apre alla realizzazione dei propri desideri.
Direi che Davide l’ha sfondata la sua porta… e ora è in cammino verso cieli e mondi nuovi da esplorare.
Teresa Averta