STUPENDELLA “UNA DOMENICA DA NON DIMENTICARE”

COMUNICATO STAMPA:STUPENDELLA “UNA DOMENICA DA NON DIMENTICARE”
18222535_10208798535266114_5392707824614105618_n.jpg
Questa volta, l’antica Monteleone -l’attuale città di Vibo Valentia- apre le porte ai giovanissimi; rivolge un invito speciale, a piccoli spettatori da condividere con mamma e papà.
È stata una grande emozione, ritrovarsi nell’oasi spettacolare dello Sporting Club Vibonese: teatro accogliente per vivere, in un’atmosfera quasi surreale, un’avventura fiabesca in compagnia della bellissima principessa Stupendella, protagonista dell’ultimo libro -dedicato alla letteratura per l’infanzia- della scrittrice Teresa Averta.
“UNA DOMENICA DA FAVOLA” uno spettacolo culturale, a misura di bambino: bello, accogliente, fantasioso, magico, che non spiega e non annoia, ma soltanto racconta la vita e il destino di una Vibo Valentia bella, maestosa, ricca di storia, ma abbandonata all’incuria e all’incomprensione dei suoi abitanti. È questo il messaggio che la poetessa e scrittrice vibonese Teresa Averta, lancia attraverso la produzione e la presentazione della sua favola.
Vibo Valentia in “Stupendella” ritrova e indossa nuovamente l’abito più elegante e dignitoso che non aveva certo perso, ma, che i suoi più cari figli -figli di questa terra di Calabria- le avevano strappato di dosso.
Teresa Averta, dopo aver scritto questa favola, che già dalla prima serata ha riscosso un gran successo, mette in piedi uno strepitoso show, per grandi e piccoli, e lo fa in una forma nuova e smagliante che mette alla prova talenti in erba, tra cui i suoi stessi alunni, che per la bravura lasciano la grande platea col fiato sospeso.
L’intento della scrittrice era avvicinare i piccoli al mondo della fiaba per mezzo della lettura, in un modo piacevole. Introdurli alla recitazione, che è un’attività culturalmente stimolante e pedagogicamente raccomandata per sviluppare l’empatia e lo spirito di gruppo, soprattutto in età scolare. Coinvolgerli nella lettura, nella recitazione, nel ballo e nel canto è stato anche un modo per tirare fuori le meravigliose attitudini, anche dei più timidi, e incrementare la socializzazione tra i partecipanti.
Nel mondo avvincente e romantico di Stupendella si sono affrontati grandi temi: famiglia, amicizia, e sentimenti. Temi con cui, i bambini hanno potuto integrare, quello che hanno imparato durante l’anno scolastico, e che hanno coinvolto partecipanti e attori di questa favola in scena.
“UNA DOMENICA DA FAVOLA” legata al progetto “VIBO GIARDINO IN FIORE” è stata un’esperienza unica nel suo genere -ha sostenuto Vincenzo Giunta presidente dello Sporting Club- perché ha portato una ventata di freschezza culturale che riuscirà a svegliare le menti dormienti di una Vibo Valentia che ha bisogno di risorgere.
Principio da cui è necessario partire per dare una sferzata di novità, riattivare quella luce che si è spenta nella città di Vibo Valentia -Monteleone- dimora tanto amata da “Stupendella” che nel suo libro dichiara: “Che noia in questa città non succede mai nulla!”
Vincenzo Neri e Teresa Averta, brillanti conduttori, hanno trasmesso e ricordato più volte, questo messaggio alla cittadinanza nel corso dello spettacolo, che hanno condotto magistralmente, con grande competenza e professionalità.
Una serata magica -l’ha definito la Prof.ssa Macrì- che ha fortemente voluto la realizzazione di questo spettacolo per l’infanzia; lei che per prima ha creduto al progetto innovativo della scrittrice.
Progetto che nel suo felice realizzarsi, ha visto la performance canora di una nota e brava cantante del luogo: Concy Ceraso.
Ad allietare la serata, con le loro stupende e artistiche movenze, sono stati i bambini della scuola “Progetto Danza” dell’insegnante Antonella Ferraro, che guida ormai da anni, i piccoli ballerini, con impegno e dedizione.
Teresa Averta si è avvalsa di collaboratori speciali -che a suo dire- hanno contribuito con grande entusiasmo e calore alla realizzazione di “Una Domenica da Favola”.
Elena Garrì, Egidio La Gamba e Mimmo Mantino hanno curato, in maniera meticolosa, l’ambito tecnico e multimediale per la buona riuscita della manifestazione.
Francesco Averta e Stefano Olivera si sono occupati della produzione e creazione di filmati e video per immortalare una giornata all’insegna della fantasia, della creatività, della cultura, ma anche e soprattutto all’insegna della gioia, condivisione e della sana aggregazione sociale.
STUPENDELLA -auspica la scrittrice- non sarà facilmente dimenticata; un sogno che si realizza dura per sempre.

Teresa Averta
Annunci