C’È SEMPRE DA IMPARARE (la realtà è un’ altra cosa…)

amiche vecchiette

-Cummari, bonasira!
-Bonasira, bonasira bella!
-Chi fù? Comu jiamu?
-E comu jiamu, a Cummari, sempi appedi, jiamu.
-E ‘mbonu, ‘mbonu, veniti ‘ccà, jiamu!
– A Cummari, chi succedìu?
-Ma poi vu ‘mparastivu u compiuteru?
-Chistu, chi mi rigalau figghjiuma?
-Sì… sì allura quali?L’atra vota ‘ndi dicistivu ca vu rigalau po compleannu…
-Sì, sì è beru! Mu ‘mparavi cummari mia, mu ‘mparavi!
-Gu, gu, chi bellizza!Chi cuntentizza!
-Ma quali bellizza, quali cuntentizza!Chimmu nommu mu ‘mparava mai, cummariii!
-Pecchì, ca aviti mò? Chi vi vinni?
-Ca mi vinni ‘na ruvinaaa!
-O focu mioo, pecchì? Chi vi succediu cummari?
-Fu na ‘sbentura stu compiuteru, sdillogghjiu amaru!
-Ca paru ‘na drogata, sempi ccà sugnu…
-E pecchì a cummari pecchì, non aviti i chi fari dintra a casa?
-Eh, non avarria i chi fari: mu lavu, mu stricu, mu stiru, e mu ligistru…
-E allura?
-E nenti…ca ‘nc’è stu catinazzu i Fesibuccu!
-E chi ghjiè a cummari, chi ghjiè?
-E comu vi pozzu spegari?
-È comu ‘nu burdellu?
-Fooocuuu miu a cummari, chi diciti, sti paroli?
-No, no scusatimi, non bolia diri burdellu, ‘nto senzu nostru!
-Ah no, e chi allura?
-Volia diri ‘nc’è nu casinu…
-Fooocuuu miooo, ancora? E ‘nzomma, però… non ‘nci capisciii chi ghjièèè?
-Scusatimi ancora, è ccà non sacciu, comu catinazzu, aiu mu vu spegu…
-E ‘mbonu jiamu… spegatilu chjianu, chjianu….all’usu vostru
-E nenti vi dicia: è na speci i mundu birtuali, comu dicinu i figghji mei…
-E jià ‘nci su ‘nu saccu i perzuni, i tutti i rismi
-Ffocu mio, daveru?
-Allura, tutti: previti, abbucati, maestri, poeti, scrittori, operai, pitturi, mammi, e sportunatamenti puru figghjioli…
-Mara mia, mara… a cu ‘nci vinni sta ‘nfelici penzata, u faci stu cosu curiusu?
– Si o cummari, ca mò su tutti ‘cca subba a chatta…
– A chì?
-E chi significa? Mi paria ca su subba a gatta!
-No no, vordiri, ca parranu, parranu a mucciuni…
-O focu…e l’atri u sannu…
– L’atri cui…chiji chi su ghjià subba…cu di iji, non dicistivu ca su ‘nzemi…
-No, no…non è ca su ‘nzemi…tutti…
-E cui allura?
-Chiji chi su amici…
-Nnon capiscivi nenti!
-E vu dicu ch’è nu burdellu
È troppu compricatu mu vu spegu…
-No no, non è pemmia…
-Nenti mò, aspettati mu vi dicu…
-Eh?
-È puru ‘nu pocu bellu…
-Ca iju postu?
-Aviti u postu? E allura siti a postu…vi paganu!
-No, no, o santa cummari, chi catinazzu diciti! U post, esti nu penzeru, ‘na cosa chi bui penzati e scriviti…
-O focu…e chi siti ‘na scrittrici?
O cummari bella, non capiscistivu ca jiocu, ponnu scriviri tutti e tuttu!!!
-O mara mia… e quindi quando unu è arraggiatu i po mandari a chiju paisi?
-Se nu vastasu, sì, se nu Signori no!
-Hai capitu? Ho capito!
– Stati cuminciandu u capisciti!
-Ma basta, non bogghjiu u sacciu cchjiù nenti ca aiu vajiu u cucinu
-E ‘mbonu ca mo jiatiii
-E disbrigativiii!
-A cosa cchiù curiusa è, ca ‘ncè genti, omani chi corteggianu!!! Ah,ah ah!
-ah!
-E vu vi scialati, vu siti ‘na bella fimmana, e siti puru accurturata
-Ma chi diciti, ijo, non trasu quasi mai subba a fesubuccu
-E fina a mò chi dicistivu?
-No, ca…ca…
-Ca aieri i gridati jienu e celi… ca o maritu vostru ‘nci ricogghjìu du lavuru…e vui si non mi sbagghjiu eruvu ‘nto bagnu chi chattavuvu… e furnella eranu in bacanza…o mi sbagghiju?
-A cummari e vui comu u sapiti?
-No, ca, ca a barcuni vostru era apertu… e si ‘ntisi tuttu
-Ah!
-E pemmu finisciu u discurzu, ca sinnò allongamu brodu… vi dicu l’urtima!
-Eh dicitimi, dicitimi, su tutta ricchji!
-E nenti, mi pari bruttu, mu vu dicu…
-E no!Mo parrati, ca sinnò mi dassati ‘nte spini…
-‘Nc’è nu bell’omu chi mi corteggia…
-Ah?
-Eh!
-E comu si chjiama?
-E mò voliti u sapiti troppu!!!
-E pari ca ijo, chi pozzu sapiri du mundu birtuali?…eh?
-Chistu è beru!
-È nu bell’omu, armenu, ‘nte fotu pari bejiu…avi nu saccu d’amici, pari unu ca a motu a sapi…faci sempri u sprendidu… e nenti mi manda faccini, penzerini, poesii, e catinazzi vari…ed è chistu ‘ccà, mo vu mustru ‘nta fotu, vogghjiu u mu cumpessu cu vui, simu amiche o no?
-E certu cummari mia, certu! Vidimu, vidimu, ca sugnu propriu curiusa!
Oh! Ah! Eh! Azzo raight!
-A cummari diventastivu tutta russa, siti ‘na vampa, chi vi succediu cummari?
-Nenti, nenti, continuati peffavuri!
– E comu vi dicia tutti sti cosi chi mi ‘mbia…
-È pemmu vi faci capisciri ca vi voli, ca ‘nci piaciti…e nu laik vu menti?
-E chi laik!!!
– Comu dicistivu a cummari? E ca vui chi sapiti du laik? O mara miaaa…
-A cummari, a cummari…
-Oh bella mia, bella, siti na ‘ncantata di muschi, ancora criditi e favuli…
-Ma no viditi ca chistu chjacchjarijia cu tutti…u messaggiu d’amuri chi bi manda a bui, ‘nciù manda a tutte le donne del suo profilu…ahahahah… cu nu corpu dieci, cento marvizze!!!
-Comu? Chi diciti? Ca cuminciava u ‘nci vogghjiu beni…
-Se ,se…domani a Pasqua!Beni, ma quali beni…u beni l’amuri, l’affettu si dimostra ‘nta realtà, non subba a fesibuccu
– ma vui, non dicistivu ca non sapiti nenti i stu catinazzu i fesibuccu…e mò, sbertiscistivu a na vota…
-Mia cara e duci cummari…mo ve la dico tutta: IO SONO GIUDITTA 67…e ho l’amicizia di LUI da tempo ormai…capiscistivu….
-Focu…chi schifuuu…va fidati, va…non ti poi fidari i nuiju, mancu di panni cavimu ‘ncojiu…
-A cummari, MANCULICANI… jiamu jiati e cucinatiii…ca IL BELL’ANTONIO VIRTUALE avi figghji e mugghjieri…ahahahah
-Non mi sbagghjiavi quando dissi che è nu burdellu…chi amarezza…
-No! No, non vi sbagghjiastivu…jiati…e ‘mparati, bona jiornata!!!

Teresa Averta

La mia fiaba “STUPENDELLA”

http://www.leggendoleggendo.it/progetti/stupendella/

EVVIVA!La mia fiaba “STUPENDELLA” è stata scelta e inserita su -LeggendoLeggendo- IL BATTELLO A VAPORE ED.PIEMME.
GRAZIE di vero cuore…per me è una grande gioia che le mie fiabe e i miei racconti possano viaggiare in Italia e nel mondo e far felici tanti bambini che hanno voglia di sognare…
-Una fiaba che educa, forma, fa comprendere, e aiuta a superare i drammi della vita, in un percorso evolutivo dei personaggi chiave che attraverso valori come l’amicizia e la condivisione, diventano un tocca sana per la mente e il cuore di ogni bambino che si riflette nel racconto.-
#LeggendoLeggendo #edizionipiemme #ilbattelloavapore #libriperragazzi #lefavolediteresa

ESSERE OLTRE..

Interior_of_Santi_Giovanni_e_Paolo_(Venice)_-_the_Wisdom_of_Pietro_Baratta.jpg

In lei la Poesia è donna.
Intelligenza e arte, diverso sguardo.
Ribellione che, non necessita di forza, forse perché padrona della sua possibilità di essere oltre, semplicemente e indiscutibilmente.
In lei la Poesia è Pensiero umano e per questo distinto.
Non facilmente riconoscibile in questo momento, leggendo i fatti di cronaca, i fatti del mondo, e pensando a quel che sta succedendo all’immagine femminile.
La sua proposta poetica, la sua proposizione di “poesia”, assume i caratteri di una silenziosa fragorosa risposta rivoluzionaria.
Lei lo sa… ma, il racconto della sua vita, della vita di ciascuno, appare narrato come attraverso un libro: ci sono pagine fitte di parole aggrovigliate l’una dietro l’altra, cancellature e schizzi d’inchiostro, e pagine bianche, quelle che né il tempo, né le occasioni riescono a riempire perché celano una dottrina non scritta, perché, semplicemente, non sono “raccontabili” nero su bianco…
E le parole non dette sono le più forti emozioni mai vissute.
E spesso, ciò capita proprio nei momenti in cui la vita regala il meglio di sé e anche il peggio di sè: un’esperienza nuova dopo l’agonia di una letale routine, una redenzione dopo una estenuante crocifissione per colpe non commesse, un amore a 5 stelle e l’esultante incontro con una persona che porta un gusto diverso al quotidiano…la scoperta di perle nel letame che per sbaglio avevi confuso con la latrina dei maiali, la grande rivelazione di qualche signore Uomo con le palle che, non si traveste da bestia da soma ma si spoglia e ti fa vedere l’anima.
E poi dopo mesi di siccità…ho sete, sete di verità…e la sera non finisce mai…ma all’alba inizi a riconoscere il profumo della verità…
E questo è il vero miracolo: il mondo ha bisogno di Verità, il mondo è una grande giostra di giochi e colori dove siamo tutti bambini spontanei e sinceri…non si vince niente fuorchè la gioia di sentirsi Vivi, liberi e felici.
E se sarà così… giocherò, scriverò poesie e canterò canzoni, e giuro che mi ciberò solo di emozioni, mi armerò di coraggio e acclamerò la vita.
Sarò ciò che sente il cuore! Sempre!


Teresa Averta

Un estratto di “GOCCE DI LUCE” -Teresa Averta-

Un estratto di “GOCCE DI LUCE” -Teresa Averta-
[…] Una grande ed elegante aquila si avvicinò a loro e disse: – “Sono qui per dovere, per sentimento e anche per ringraziarvi per tutto quello che state facendo, e per dirvi che Noi creature di Dio: animali e uomini bruciamo dal desiderio di trovare un assetto stabile e un’ultima base sicura per edificarci una torre che s’innalzi all’infinito; ma ogni nostro fondamento scricchiola, e la terra si apre sino agli abissi” …

16836363_10208289785267682_4616000535392539069_o

IL MIO NUOVO LIBRO: “GOCCE DI LUCE”

16836363_10208289785267682_4616000535392539069_o.jpg

Questa è la pagina ufficiale del mio libro “GOCCE DI LUCE”
pubblicato con StreetLib – Pubblicazione, distribuzione e servizi di editoria digitale che si preoccuperà di divulgarlo in tutte le librerie d’italia…
L’opera potrà essere disponibile in e-book e in formato cartaceo.
Grazie di cuore per la disponibilità e il sostegno che dimostrate ai giovani poeti e scrittori
#streetlib
#servizieditoriadigitale
#gooccediluceteresaaverta
https://stores.streetlib.com/it/teresa-averta/gocce-di-luce

SIGNORE DI SE STESSO

16406688_10208089629143904_3012781973243470928_n.jpg

Chi soffre d’ignoranza dogmatica, di ristrettezza mentale e di non apertura alla vera Umanità ha una paura infantile di guardare le cose a fondo, e si può ammalare di culto morboso e superstizione. Solo la conoscenza dei poteri soprannaturali, della natura, apre la vista spirituale dell’uomo e amplia la sua facoltà intellettuale. Pertanto costruite il vostro sapere sulle travi dell’anima, cui darete il vostro respiro, non sono facili da sciogliere… e nessuno vi distruggerà. Siate buoni spiriti e non falsi profeti o politicanti da strapazzo! Siate venti di gioia e di speranza e non di polvere e d’ipocrisia. Aderite al mistero Divino, che poi è quello Umano…Dio è a spasso tra gli uomini…non ignoratelo!!!
Chi aderisce alla Fratellanza sa bene, dove comincia l’Ineffabile… Sa quando dovrà parlare ma sa anche quando dovrà tacere. Non cercate di rompere il Silenzio Contemplante quando ormai si è al limite delle possibilità. L’esistenza è un mistero, e il Mistero è di Dio, che non è accessibile a chi vuole sempre analizzare, selezionare, giudicare, misconoscere e contraddire. La Meravigliosa Esistenza si apre a chi è disposto ad innamorarsi di lei e a chi allarga le braccia per danzare con lei. Non è giusto affaticarla con domande cui non si può rispondere senza pericolo. Solo l’ignorante presume di saper assimilare qualsiasi risposta.
La verità non si trova mediante prove, ma mediante esplorazione poiché essa è sempre sperimentale.
La verità si trova andando alla ricerca, alla ricerca estenuante di se stessi e non dell’altro o dell’errore dell’altro, ma del Buono e del Vero che c’è in voi… e solo poi, riuscirete ad avere uno Sguardo Pulito,Vero (non falsato dalle vostre lenti approssimative esistenziali) e sincero per guardare l’altro: il vostro fratello, il vostro prossimo.
Se non volete essere umani, siete liberi di essere anche macchine… ma per l’Amor di Dio, siate macchine riflessive e spirituali. E vi esorto con tanta umiltà: “Non siate schiavi altrui, perché ognuno di noi può essere SOLO signore di se stesso”.

 Teresa Averta

RACCONTO DI UNA SCRITTRICE

Dire o non dire:- dipende però, anche dall’accoglienza che la parola incontra…
Io ci ho provato a scrivere questo breve racconto poiché SENTO molto la “Giornata della Memoria”.

… Eravamo sotto l’occupazione tedesca…
Ero una maestra e scrittrice ebrea, insegnavo in una scuola del confine Francese…
In quel periodo di grande persecuzione, gli ebrei erano prima costretti a portare la stella gialla, poi erano allontanati da ogni luogo pubblico, dal loro impiego, dalle scuole.
Anni oscuri e dolorosi mi avevano tanto segnato… quanto quei vagoni riempiti di bambini ebrei alla stazione.
Ignoravo tutto,allora, dei metodi di sterminio nazisti. E chi avrebbe potuto immaginarli! Ma quegli agnellini strappati alle loro madri superavano già quello che avrei creduto possibile.
Un sogno che ha finito di dissiparsi per me davanti a quei vagoni carichi di bambini. Amavo tanto i bambini… ero sempre a contatto con quelle piccole grandi creature che illuminavano il mondo.
E tuttavia, ero lontana mille miglia dal pensare che andassero a rifornire le camere a gas e i forni crematori… invece, mio Dio era vero… era tremendamente vero!
Nel Lager ho sentito con molta forza il pudore violato, il disprezzo dei nazisti verso uomini, donne e bambini: tutte vittime umiliate.
E tuttavia io di questo, allora, non ero consapevole.
Solo, quando anch’io fui prigioniera, incominciai a capire… solo quando fui dietro a quelle sbarre maledette, tutto mi apparve dannatamente vero.
E da lì non vedevo più il mare… non vedevo la mia famiglia, non vedevo i miei amici, non riuscivo a vedere più i miei alunni né a pensare che fossero maltrattati dai quei mostri disumani.
Poveri angeli indifesi…poveri piccoli cristi!
Nell’attesa spasmodica e angosciante, pensavo che una volta che ero stata arrestata, tempo una settimana sarei morta e tutta la mia vita, con l’infinito che io sentivo dentro di me, sarebbe spazzato fuori …
Potevo solamente sognare… come sarebbe stato bello se solo fossi potuta uscire da quelle sbarre.
Non potendo scrivere… la mia fantasia volava, correva… attraversava muri sporchi e sbarre d’acciaio…nell’aria solo il silenzio degli innocenti.
Il mio pensiero inquieto fuggiva, come evaso, in cerca di libertà ma in un cielo nero… senza luce e senza speranza.
Il mio respiro si faceva corto e mi arrampicavo sulle sbarre -con le mani fino a farle sanguinare- quando udivo quelle urla strazianti nell’aria per cercare di guardare oltre… oltre l’umano… oltre il limite… oltre la vita dove il silenzio faceva spazio alla morte.
Volevo essere una farfalla e volare. Uscire da quelle sbarre, da quella prigione… Sapevo ormai la sopraffazione, la vergogna, la brutale umiliazione che ci spogliava della nostra umanità, e con essa anche della nostra femminilità.
Ero ancora viva ma mi sentivo già morta. Sentivo che il tempo si era fermato per me, era il tempo dell’odio, dell’ingiustizia, ma era anche il tempo di Dio.
In quel tempo noi tutti, compresa me, dovevamo concentrarci nel perdono, nel perdonare chi ci aveva rinchiuso, chi ci aveva torturato, chi ci aveva annientato.
Quando uscirò da questa prigione, -mi dicevo- il mio unico debito verso Dio sarà solo quello di perdonare il mio fratello prossimo, farò come vuole il mio Dio, farò come vuole il mio Gesù’ con la purezza dell’infanzia e la poesia del cuore.
Non so se sono uscita dalla prigione. So solo che sono morta e rinata… Nascere per caso nascere donna, nascere povera, nascere ebrea è troppo in una sola vita!
Oggi, sono solo una povera e umile scrittrice che ha provato a immedesimarsi in una “grande donna” che ha donato la sua vita per l’umanità… oggi non mi fa più paura il silenzio dei morti perché la Memoria dei giusti ne parla. Mi fa paura invece il silenzio dei vivi… di quelli che purtroppo hanno già dimenticato.
Teresa Averta

L'immagine può contenere: 1 persona, primo piano
Nessun testo alternativo automatico disponibile.
 

RICORDANDO… Elie Wiesel

Elie.jpg
Eliezer Wiesel, detto Elie (Sighetu Marmației, 30 settembre 1928 – New York, 2 luglio 2016), è stato uno scrittore, giornalista, saggista, filosofo, attivista per i diritti umani e professore rumeno naturalizzato statunitense, di origine ebraica e poliglotta, nato in Romania e sopravvissuto all’Olocausto.
È stato autore di 57 libri, tra i quali La notte, resoconto autobiografico in cui racconta la sua personale esperienza di prigioniero e superstite nei campi di concentramento di Auschwitz, Buna e Buchenwald.
Wiesel è stato anche membro dell’Advisory Board del giornale Algemeiner Journal.
Quando Wiesel fu insignito del premio Nobel per la pace nel 1986, il Comitato Norvegese dei Premi Nobel lo chiamò il “messaggero per l’umanità”, affermando che attraverso la sua lotta per venire a patti con “la sua personale esperienza della totale umiliazione e del disprezzo per l’umanità a cui aveva assistito nei campi di concentramento di Hitler”, così come il suo “lavoro pratico per la causa della pace”, Wiesel aveva consegnato un potente messaggio di “pace, di espiazione e di dignità umana” alla stessa umanità.
Così Wiesel descrisse, nel libro “La notte”, il tragico arrivo al campo di Auschwitz:
« Mai dimenticherò quella notte, la prima notte nel campo, che ha fatto della mia vita una lunga notte e per sette volte sprangata.
Mai dimenticherò quel fumo.
Mai dimenticherò i piccoli volti dei bambini di cui avevo visto i corpi trasformarsi in volute di fumo sotto un cielo muto.
Mai dimenticherò quelle fiamme che bruciarono per sempre la mia Fede.
Mai dimenticherò quel silenzio notturno che mi ha tolto per l’eternità il desiderio di vivere.
Mai dimenticherò quegli istanti che assassinarono il mio Dio e la mia anima, e i miei sogni, che presero il volto del deserto.
Mai dimenticherò tutto ciò, anche se fossi condannato a vivere quanto Dio stesso. Mai. »
LE SUE PAROLE RIGUARDO AL TEMA DELLA PACE : “Il genere umano deve ricordare che la pace non è il dono di Dio alle sue creature; la pace è il dono che ci facciamo gli uni con gli altri”.

(Elie Wiesel, La notte)

SCRIVO E COSI’ AMO….

bd694f95fcdc94f5087b66d3686250f5.jpg
Così un altro Natale è arrivato. Ma prima che vada via… mi prendo un momento anche per me. Poltrona, camino, una tazza e il mio libro, per scorrere rapidamente tra le dita le pagine… per viaggiare con le parole che hanno riempito quel vuoto bianco.
Natale è condivisione, una nascita, un nuovo inizio, come ogni volta, ogni volta diverso.
La scrittura è il mio momento di … condivisione solitaria. E come il Natale, il mio rito non manca all’appuntamento, sempre “puntuale”.
Amo la scrittura per la stessa ragione per cui amo il Natale: unisce le persone, mentre il tempo si ferma.

Teresa Averta

“NATALIANDU” SOTTO LE STELLE

Grande serata sotto le stelle, per la magnifica manifestazione “Nataliandu,” curata nei minimi dettagli dalla professionalità dell’associazione VIBO INSIEME, e dagli illustri ospiti. Competenti performance artistiche: di ballo, musica, canto e poesia. Splendida cornice in un angolo storico meraviglioso…Tutto è finito in dolcezza sotto un cielo di poesia.
Credo che la città debba essere orgogliosa di avere persone che si impegnano per valorizzare l’arte e la cultura in questo modo.
Lode anche a tutti coloro che hanno partecipato nonostante il freddo… Quando c’è collaborazione i risultati non possono che essere eccellenti. .
Un meraviglioso evento, da non dimenticare, felice di essere stata gradita ospite con il mio spazio letterario:poesie in italiano e in vernacolo, racconti e favole natalizie.


Teresa Averta