C’È SEMPRE DA IMPARARE (la realtà è un’ altra cosa…)

-Cummari, bonasira! -Bonasira, bonasira bella! -Chi fù? Comu jiamu? -E comu jiamu, a Cummari, sempi appedi, jiamu. -E ‘mbonu, ‘mbonu, veniti ‘ccà, jiamu! – A Cummari, chi succedìu? -Ma poi vu ‘mparastivu u compiuteru? -Chistu, chi mi rigalau figghjiuma? -Sì… sì allura quali?L’atra vota ‘ndi dicistivu ca vu rigalau po compleannu… -Sì, sì è beru! […]

Read More C’È SEMPRE DA IMPARARE (la realtà è un’ altra cosa…)

BELLA FIGGHIOLA

Bella figghiola chi suspiri e speri… l’Amuri eternu di n’avventureri, è nu masculu bellu ma è propiu ‘mbalsamatu, è tuttu fumu e non è mancu ‘nammuratu. Tu ‘nci voi beni…e sarannu sulu peni, ‘nci piacinu li rosi ma ‘nci spagna di li spini. A vogghia mu ‘ndi fai ricci e cannola, ca u santu ch’è […]

Read More BELLA FIGGHIOLA

FIMMANA MIA

Oji, vogghjiu mu ta dicu E mu ta dicu in dialettu, pecchì lu cori batti d’amuri dintra o pettu. Si tu l’amata mia, tu, pezzu du cori mio si l’urna sacra mia a megghjiu criatura i Dio. Cumpagna i viaggiu di vita e di venturi, amanti di stu corpu: si cruci e redenturi. Si angelu […]

Read More FIMMANA MIA

U MIRACULU È COMPIUTU!

A Befana è ‘na vecchjareja, cu ‘nu nasu di tabacchera, pulita e arzilla, cu a scupa vola vaci fujiendu pe jiocu a ‘fora. ‘Nu sciallinu avi subba a vesta ‘nu maccaturi porta ‘nta testa, ratta, ratta ‘nci ammuccia a facci fuji ‘nta neve comu ‘na freccia. Non guarda friddu né tramuntana è chistu o bellu […]

Read More U MIRACULU È COMPIUTU!

SATIRA IN DIALETTO CALABRESE

CHI EPUCA! FOCU MIO… (tra comari) -Bonasira cummari! -bonasira, bonasira… -chi ghjiè stu cosu chi teniti ‘nte mani ? -a cummari no viditi che è nu compiuter, chi siti spanticata! -a mara mia, ca io chi sacciu, su becchjia…e non capisciu nenti… -ma chi diciti, oji senza computer, non cumbinati nenti… -ah si? e facitimi […]

Read More SATIRA IN DIALETTO CALABRESE

E CHI GHIÈÈ!

Poesia in vernacolo calabrese Oh…focu miooo, quantu cosi strani vijiu io! Su picciriia ma intelligenti e non nci voli a palla magica u capisci com è a genti. Quantu bugii chi dinnu… e quanta scena fannu!!! Bastarria pocu… nommu fannu dannu! Na vota pane e verità oji palle e falsità, chi società i spaccamattuni nenti […]

Read More E CHI GHIÈÈ!

QUANDO L’ARTE DIVENTA POESIA

Grazie per la loro bravura e competenza agli artisti che in veste d’attori hanno declamato le mie poesie, e grazie ancora e sempre di tutto cuore, al Presidente di Tropea onde mediterranee, Prof. Pasquale de Luca,grande critico letterario, stimato ed eccellente poeta, prezioso amico e uomo dalle doti umane straordinarie, che con le sue parole […]

Read More QUANDO L’ARTE DIVENTA POESIA

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

Un grazie di cuore e doveroso agli organizzatori della bella serata di ieri, -questo grande appuntamento con la manifestazione culturale-, tutta dedicata all’arte: musica,pittura e poesia. Il Circolo Culturale di “San Cono di Cessaniti” e l’Associazione “Tropea Onde Mediterranee” hanno presentato egregiamente la seconda edizione di “Sogno di una notte di mezza estate “ Uno […]

Read More SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

CHISTA È L’ITALIA MIA

A lu paisi mio, oji fu festa, di lu militi ignotu trapassatu, non ‘mbozzi mu vaiu a sta parata… ca mi pari na grandi cavulata, mu mi perduna lu Signuri e sti grandi eroi caduti chi riciviru l’onori cchiù dovuti. Pensamu o sconosciutu e o u cumbattenti, e abbandunamu tutta l’atra genti, chiji animi di […]

Read More CHISTA È L’ITALIA MIA

NONNICEIA MIA

( POESIA IN DIALETTO CALABRESE) Chi boi mu ti dicu nonna mia! Ca passaru tant’anni e ancora penzu a tia, bella,rugosa e fatigata nonna duci, nonna adurata. Tutti riuniti ‘ntornu a tia… na rota, nu vrasceri e nu saccu d’allegria; penzu a lu caluri chi nta chija casa nc’era, lu focu, lu fumu chi nescia […]

Read More NONNICEIA MIA